Chi siamo

Lui: da filosofo a contadino, legge Platone sotto la querce  con le mani sporche di terra.

Lei: da perito agrario a chef salutista, resiste alla tentazione di mettere nel piatto tutti i germogli che le capitano a tiro, ma solo perché un ravanello è più buono del suo germoglio (a volte!).

L’anarchica: fin dai due anni di età ha cominciato ad ammonire tutti sulle schifezze alimentari. Una delle prime frasi: “u’vojo coop” che si può tradurre con un semplice “non voglio andare a fare la spesa”. Non sono solo i capricci di una bambina, dietro si nascondono motivazioni profonde.

La nana: detta anche “Gianburrasca” è due anni più piccola dell’anarchica. Ha una strana passione per le olive: non abbiamo ancora capito se per la polpa o per il nocciolino da tirare con la cerbottana.

Il commendatore: il gatto di famiglia, soprannominato anche “DottorVitruvioSciopero”…da quando vive in campagna sciopera solo in inverno. Ha una fidanzata, un’amante e un acerrimo nemico tutto nero. Rispetto ai topi segue il consiglio di Virgilio “non ti curar di loro, ma guarda e passa

Il cane sudicione: in realtà è un cane autopulente, forse perché pensa di essere un gatto. Aiuta nella lavorazione del terreno sminuzzando le zolle e ruba tutti i giochi delle nane. Fondamentalmente un cane sociopatico, ma scodinzola felice ai topi (sempre loro!)

Loro: una famiglia squinternata alla ricerca della semplicità e della felicità nascosta nelle piccole cose.

Tutto questo è Agronomicon!